Avengers Infinity War: 10 anni di Marvel Cinematic Universe

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 1, punteggio: 5,00 su 5)
Loading...

Recensione del film Avengers Infinity War diretto da Anthony e Joe Russo.

avengers infinity warScritto da Pietro Braccio.

Avengers Infinity War costituisce un punto d’arrivo fondamentale nel Marvel Cinematic Universe, nato esattamente 10 anni fa quando al cinema usciva il primo Iron Man diretto da Jon Favreau. In dieci anni, con 19 film all’attivo, il rischio di ripetersi è grosso, così come il rischio di perdere appeal sul grande pubblico e di conseguenza qualche fan per la strada.

Sul primo rischio possiamo più o meno essere tutti d’accordo: in un decennio ci si è senza dubbio ripetuti più di una volta, scegliendo strade già percorse e scatenando sensazioni di deja-vu tra un film e l’altro in quanto il registro utilizzato è sempre stato lo stesso. Tale scelta, dal punto di vista dei produttori, appare assolutamente logica e giustificata se si pensa che la formula utilizzata ha sempre funzionato, senza alcuna eccezione, e il pubblico ha sempre ripagato, sia in termini di apprezzamento dei singoli film, sia in termini monetari, garantendo bottini elevatissimi al botteghino ad ogni stand alone o crossover prodotto. Ed è qui che arriviamo al secondo rischio, quello che col passare degli anni si possa perdere un po’ di presa sul pubblico: un pericolo di cui evidentemente la Marvel non può preoccuparsi, anche per l’imminente futuro, a giudicare dai risultati dei due film lanciati quest’anno (oltre a Infinity War, Black Panther è stato un grandioso successo di critica e pubblico).

Alla regia di Avengers Infinity War Anthony e Joe Russo, che già avevano diretto due tra i migliori film dell’universo Marvel: Captain America: The Winter Soldier e Captain America: Civil War. Ciò che sorprende è la capacità di dare la giusta attenzione ad ogni singolo personaggio, tanto che nessun eroe prevale sull’altro lungo tutto il film. È un punto essenziale in un’opera corale che prevede la presenza di tanti personaggi molto forti e già ben caratterizzati nelle precedenti pellicole. Anche lo humor (che molto caratterizza le pellicole Marvel) si alterna ai momenti più seri in modo dosato dando vita ad un film abbastanza avvincente, grazie anche alla presenza di Thanos, villain riuscito e carismatico. Indubbiamente bisogna prendere Avengers Infinity War per quello che è: colorato (come le gemme dell’infinito) e divertente, non scriverà (e non vuole scrivere) la storia del cinema.

Il finale, apertissimo, sorprende: fino ad ora tutte le pellicole concludevano la storia principale lietamente alla fine di ogni film, pur collegandosi alle altre, magari con una, due o più scene dopo e durante i titoli di coda. A tal proposito, non dimentichiamoci che l’intenzione è sempre stata quella di avere una storia divisa in due film, Infinity War – Parte 1 e Parte 2. Successivamente è stato annunciato che la seconda parte, in uscita già il prossimo anno, avrà un altro titolo, non ancora annunciato. A questo punto non ci resta che attendere, sperando che i prossimi film possano continuare a soddisfare da un lato gli innumerevoli fan, e dall’altro chiunque abbia la voglia di godersi un pop-corn movie con i fiocchi, pur restando devoti a Bergman, Hitchcock, Kubrick e gli altri.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *