Blackhat: il thriller secondo Michael Mann.

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 2, punteggio: 4,50 su 5)
Loading...

blackhat-filmIl cinema di Michael Mann non è mai stato commerciale. È sempre stato venduto come commerciale (basta riguardare alcuni trailer), ma non lo è mai stato.

E in un’epoca in cui il cinema americano pare annaspare in originalità, personalità e autorialità di stile e contenuti, auto-dirottandosi verso un anonimato indistinto e un’omologazione di facile appeal sui teenager e il grande pubblico, Michael Mann rimane sempre più fedele alla sua linea, in un certo senso dura e pura, restìa al compromesso, inamovibile dal thriller/action espanso, che vive nel genere e allo stesso tempo se ne discosta. Blackhat è senza dubbio la più matura tappa evolutiva di questo suo modus operandi.

Blackhat è un cyber-thriller, ma non di quelli che pompano il ritmo e “si vendono” alla spettacolarità da (s)fracasso e da strapazzo. Il tema scelto è dei più attuali, scottanti, scivolosi, interessanti. Un cyber-attacco è la nuova Pearl Harbor o un nuovo 11 settembre 2001. Il crimine (s)scorre nelle vene dei computer, nelle sinapsi delle banche, tra linee di codice che generano esplosioni e hacker che paiono fantasmi inafferrabili. Blackhat ha tutte le carte in regola per essere uno di quei thrilleroni che tuonano, entusiasmano, liberano. E invece no, Blackhat dilata i tempi, si fa attendere, si gongola intimamente nelle sue ellissi, silenzi, vuoti. Là dove potrebbe deflagrare, trattiene il respiro, riflette su di sé, punta sulla componente umana e non cinematografica dei suoi personaggi. È così che Mann si allunga e dilunga nel mostrarci i sonni di Nick Hathaway (Chris Hemsworth) e Chen Lien (Wei Tang), le riflessioni su come stanare il criminale di turno e altre “piccole inutilità” narrative. Gli inseguimenti e le sparatorie non sfrecciano né abbondano, ma sanno farsi sentire solo e soltanto quando devono, quando è strettamente necessario ai fini di un intreccio che si dipana intrigante e limpido in un film cupo e crepuscolare, iper-metropolitano, illuminato al neon, come osservato continuamente da dietro gli occhiali da sole del protagonista.

Blackhat è quindi un thriller contro-corrente, per pochi, che sa di scontentare molti spettatori. Ma di questo Mann se ne frega. La Legendary Pictures c’ha perso milioni di dollari: il film le è costato 70 milioni di dollari e ne ha re-incassati solo 7 in Usa. Il flop poi è stato internazionale. Da questo punto di vista, Blackhat ci interroga sul valore intrinseco di un’opera (d’arte), sciolto dal furore al botteghino, su quanto qualcosa di pregio possa fare o faccia (comunque) il proprio corso indipendente dai biglietti staccati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.