Colpa delle stelle, un’afflizione imperiale

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 8, punteggio: 4,00 su 5)
Loading...

colpa delle stelle film un'afflizione imperiale“Il dolore esige di essere vissuto”. Questa la frase cardine del libro Un’afflizione imperiale di Peter Van Houten letto e riletto, amato e venerato da Hazel e Augustus, i due protagonisti di Colpa delle stelle di Josh Boone. Dietro un titolo con la veste grafica di 3 metri sopra il cielo o altri prodotti mocciani, Colpa delle stelle è un film che deliberatamente fa leva su un pubblico di teenagers e sulla lacrima facilissima, martellando quei punti della nostra emotività che ci spingono a tirare fuori il kleenex. E questo sin dalla sinossi, che potremmo riassumere così: lei ha un cancro polmonare, lui una gamba di legno dopo aver sofferto un cancro osseo, si incontrano in un gruppo di supporto, si amano, poi uno di loro due muore. Come si fa a non piangere di fronte ad una storia del genere?

colpa delle stelle libro

Il libro su Amazon

colpa delle stelle film

Il Dvd su Amazon

La questione che ci pone Colpa delle stelle è il “come” piangere. Sì, perché Josh Boone, che dimostrare di sapere alla perfezione come far piangere sia molto più facile di far ridere, lo fa nel modo più banale e spudorato, fastidioso e facilone, proponendoci un film mieloso e cremoso, dove o almeno un pochino ti commuovi o sei un orso insensibile e anti-romantico.

Ma calcare troppo la mano può condurre alla risata isterica sia di quella fetta di pubblico che hai inaspettatamente spinto al cinema (gli over 25) sia quella che hai eletto a priori come tuo target (gli under 18). Colpa delle stelle si fa così ridondante e prevedibile da non poterne più. Guardi l’orologio e manca ancora un’eternità. E proprio questo è un altro difettuccio del film: la lunghezza. Due ore piene sono un po’ troppe, una bella sforbiciata a un’ora e mezza sarebbe stata salutare.

Tutti fattori di un film che può non piacere (a me non è piaciuto!), ma che non possiamo definire brutto tout court. Colpa delle stelle parte bene, con una voce narrante che subito ci mette in guardia sulla tragedia che si consumerà, con due bravi attori giovani, con la voglia di piangere a volontà, ecc. Ma la sceneggiatura prende presto la piega di un lungo messaggino d’amore scambiato tra due compagni di prima liceo, privato però di ogni genuinità, rincarato in artificiosità. Risultato: Colpa delle stelle fa così piangere da far ridere.

8 commenti

  • Ahhahahaahahahhah “un pochino ti commuovi o sei un orso insensibile e anti-romantico” questo film mi ha fatto talmente pena che devo sapere cosa ne pensano tutti per capire se sono l’unica a cui non è piaciuto!

  • Complimenti per il nuovo sito. Molto bello!

  • Per niente d’accordo con te.
    E’ una storia di coraggio e di forza interiore, raccontata mettendo in luce quella che è la verità e non semplicemente il “lato bello”: il cancro uccide ed è terribile, e non c’è niente di bello in esso, bisogna solamente accettare che prima poi ti porterà via (o porterà via qualcuno di cui non vorresti fare a meno).
    Mette alla prova anche chi una “storia di cancro” non l’ha vissuta in prima persona, perché mette davanti al fatto compiuto che non c’è niente che si possa fare,si può solo cercare di migliorare la qualità dei giorni che ti restano e viverli al pieno delle emozioni.

    Credo che se ci si lascia invadere dall’essenza di quello che è il messaggio da percepire,forse il film avrebbe dovuto durare ancora di più, proprio per non lasciare nulla da catalogare come bello o romantico,se non il fatto che l’amore rende “meno doloroso il dolore”.

    Ovviamente questa è una mia personale visione di ciò che il film (ma molto meglio ancora il libro) vuole rappresentare e di ciò che ha trasmesso a me, ma condivido ovviamente anche il tuo punto di vista.

    Nicole.

    • Ciao Nicole, grazie del tuo commento. E’ una questione di punti di vista e di sensibilità. A me ha trasmesso quanto ho scritto nel post, e devo dirti che quando ho deciso di andare a vederlo avevo tanta curiosità e anche tanta aspettativa, sarà che mi aspettavo un film meno melodrammatico…

  • Ottima la qualità dei dialoghi su temi dolorosi e molto veri, affrontatati con coraggio e sublime ironia da renderli educativi e mai banali.
    Romanzo performante e sceneggiatura del film molto ben adattata, scelta degli attori eccellente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.