French Connection: la recensione del film

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 1, punteggio: 4,00 su 5)
Loading...

Parliamoci chiaro: nel genere “polar” i francesi sono imbattibili. Lo dimostrò in modo inequivocabile nel 2005 quella perla intitolata 36 Quai des Orfèvre di Olivier Marchal, lo conferma dieci anni dopo French Connection (La French) di Cedric Jimenez.

french-connectionFrench Connection è un solido e palpitante noir-poliziesco, di guardie e ladri, giudici e mafiosi. Sin dalla primissima sequenza in strada si comprende subito come sia un grande film, allo stesso tempo impomatato e polveroso, ben pettinato ma anche disposto a scompigliarsi quando serve. Protagonisti due cime del cinema francese degli ultimi anni: gli amiconi e “infedeli” Jean Dujardin e Gilles Lellouche. Il primo è un giudice di stoici principi, pugno di ferro e moralità granitica; il secondo è un mafioso d’origine napoletana che comanda indisturbato il traffico della droga da Marsiglia a New York. Dujardin e Lellouche: amici nella realtà, acerrimi nemici sullo schermo. Ma è palpabile la classe e l’intesa tra due attori che si conoscono bene e sanno convivere on screen senza pestarsi i piedi, rilanciando continuamente l’uno la performance dell’altro.

French Connection, filologicamente curatissimo nei costumi anni Settanta, sa ricreare il calore e i colori di quegli anni, in una fotografia da vecchia polaroid conservata in un nobile negozio d’antiquariato, sferzata dal sole accecante e battente della costa francese. Ma forse il maggior pregio di French Connection sta nell’essere riuscito a ricreare le atmosfere di quarant’anni fa con il ritmo del cinema moderno, guardando sì al passato ma convertendolo all’oggi.

French Connection a noi spettatori italiani potrà facilmente ricordare i nostrani Romanzo Criminale e Vallanzasca di Michele Placido, ma a quest’ultimi il film di Jimenez fa letteralmente le scarpe, e poi le lucida come il più abile degli sciuscià. Insomma, l’opera seconda di Cedric Jimenez coinvolge, appassiona, stupisce, verso una vera e propria insolazione di grande cinema come solo i francesi sanno fare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.