Good Kill: good film per Andrew Niccol

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

good-killAndrew Niccol si era già cimentato con il tema della guerra nel 2005 con il riuscito Lord of War, in cui Nicolas Cage vestiva i panni di un mercante d’armi. A quasi dieci anni di distanza, dopo due consecutivi scivoloni sci-fi (In Time e The Host), torna sullo stesso tema con Good Kill. Protagonista è un militare scelto che sperimenta la nuova, anzi attuale, tipologia di guerra a distanza in cui, grazie a droni pilotati “da casa”, si è sul campo di battaglia ma in absentia. Così da Las Vegas pilota droni che lanciano missili sull’Afghanistan a caccia di pericolosi terroristi talebani. Ma questa frontiera di millantata guerra sicura e intelligente risulta fallace tanto quella sul campo, poiché la morte di innocenti civili non può essere comunque evitata…

A oltre dieci anni dall’11 settembre 2001, la caccia ai terroristi non si è mai fermata, anzi è cresciuta. Good Kill affronta un nuovo fronte di guerra e le conseguenze che questa strategia comporta sui soldati. L’Afghanistan è il nuovo Vietnam, e i “collaterali” danni mentali che la guerra genera su chi la vive sul campo sono del tutto simili a quelli di chi la vive a distanza, con la mano su un joystick che però non è quello un videogioco. Protagonista di Good Kill un sudaticcio Ethan Hawke, contemporaneo top gun senza aereo che si pone una questione morale che oggi, più che negli anni Settanta, è graffiante e cocente sulla legittimità di guerre a metà strada tra national security e terrorismo.

Good Kill è un buon film, che sa mischiare spunti di denuncia a passaggi da thriller, con un finale umano e davvero cupo dove giustizia e follia si confondono. Detto questo, fanno un po’ storcere il naso alcune inevitabili “cadute” americane di Niccol. Ma insomma, non possiamo chiedere a Niccol di rinnegare se stesso e auto-rimuovere alcuni stilemi stampati nel suo genoma cinematografico. Nemmeno fossimo in un film di fantascienza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.