La corte di Christian Vincent: la recensione

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

La corte è una boccata d’aria fresca. Piccolo, raffinato, divertente, si spoglia dei pretenziosi e spesso manchevoli pseudo-intellettualismi, inevitabili ai Festival, per tornare a quella tradizione che pacifica il pubblico con il buon, anzi ottimo, cinema. La corte è intelligente nel contenuto e nella realizzazione.

la corteHa l’incipit di un legal drama, ma poggia sulle solide fondamenta della commedia francese. Il regista Christian Vincent, premiato per la miglior sceneggiatura a Venezia 72, si affida totalmente alle notevoli capacità recitative di Fabrice Luchini, Coppa Volpi come miglior interprete maschile, forse oggi il più bravo tra gli attori d’Oltralpe.

Ai due lati della sbarra giudicato e giudicante, entrambi consapevoli che tre giorni in questo piccolo tribunale-teatro di provincia segneranno per sempre le loro esistenze. Il primo passivamente combatte per non finire dietro le sbarre per infanticidio. Il secondo attivamente tenta di evadere da quel carcere emotivo che proprio l’ermellino sulla sua toga, simbolo di dignità e incorruttibilità, imprigiona. Luchini, misuratissimo, è straordinario nel farci vedere le brecce che man mano si aprono nella toga-gabbia di questo misantropo dallo spirito molièriano e ossessionato dal lavoro, quando inizia il “corteggiamento” della bella e brava Sidse Babett Knudsen. Fa intravedere fragilità, inibizioni e piccole manie, senza mai far cadere totalmente il “sipario”, mantenendo un equilibrio e un incanto che “imprigionano” il pubblico già totalmente affascinato.

Luchini, però, non viene lasciato solo. È efficacemente aiutato e innalzato da dialoghi scintillanti che mitigano gli istanti più cupi attraverso un inatteso sorriso. Ma anche da una serie di comprimari cesellati a tutto tondo che donano al film una dimensione unanime e da una regia dalla mano sicura.

scritto da Vanessa Forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.