The Last Stand: Kim Jee Woon e Arnold Schwarzenegger

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

The-Last-Stand-Arnold-SchwarzeneggerSin dai suoi albori, Hollywood ha sempre avuto un fascino indiscutibile. Un polo magnetico capace di attrarre a sé attori e registi from all the world. Ci è cascato pure il grande regista coreano Kim Jee Woon. Dopo il western fracassone Il buono il matto e il cattivo e l’efferato e patinato I saw the devil, cambia registro (e Paese) per girare The Last Stand, un action movie molto Anni Ottanta, (ri)portando alla ribalta uno dei massimi esponenti dell’americanata con risata annessa: Arnold Schwarzenegger. L’ex Terminator torna on screen da protagonista dopo la parentesi politica che lo ha visto governatore della California dal 2003 al 2011. Ma non toglie gli abiti della Legge, nella quale si sente ancora a suo agio. In The last stand – L’ultima sfida è infatti lo sceriffo della flemmatica cittadina di Sommerton, al confine tra l’Arizona e il Messico. Tutto scorre tranquillo, o ancor peggio anonimo, fino al giorno in cui il temibile narcotrafficante Gabriel Cortez punta dritto alla frontiera, per lui sinonimo di libertà impunita. Ma se è saputo/potuto sfuggire con facilità ad una goffa FBI, così non avverrà con lo sceriffo Ray Owens…

Kim Jee Woon e Arnold Schwarzenegger: la strana coppia! Un connubio che incuriosisce e stupisce. Stima al regista coreano per aver saputo mettere da parte il suo estro spietato e funambolico, torbido e noir, e aver esordito sul suolo cinematografico americano con un’opera modesta, che diverte senza grandi botti. Ma non solo. Ha messo se stesso a servizio di un attore e di una certa operazione revival. Onore al buon vecchio Schwarzy per essere tornato sul grande telo bianco non alla corte di un amicone director, ma di un autore meno di punta, meno conosciuto. E la scelta si fa apprezzare, proprio come la sua performance senza controfigura (65 anni e non sentirli!). Schwarzenegger è ancora un manzo da cinema. Forse un po’ affumicato, ma non per questo meno saporito. Non ci credete? Guardate The Last Stand!

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.