Mud: piccoli uomini crescono

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 1, punteggio: 4,00 su 5)
Loading...

mudSin dalla prima sequenza Mud di Jeff Nichols ci tira a sé ricordandoci uno dei quei film fine anni ’80 (ad esempio Stand by me di Rob Reiner) con ragazzetti coraggiosi che, in una calda estate, grazie ad una folle avventura in cui inconsapevolmente si gettano a capo fitto, quasi senza rendersene conto, diventano uomini. A questo vi aggiunge l’attuale attore di punta di Hollywood, Matthew McConaughey, nei panni di un sudicio barbone lampadato nel suo personale cast away su un’isola che, allo stesso tempo, è la sua Alcatraz e il suo rifugio. Ma anche una barca arrivata chissà come in cima ad un albero, qualche carenza d’affetto da parte di genitori (assenti o mai conosciuti) e la “sana” amicizia che nascerà tra l’assassino fuggitivo di turno e i due piccoli amici del cuore.

Ingredienti perfetti che subito suscitano simpatia e strattonano la nostra attenzione. Ingredienti così saporiti che Jeff Nichols trascina un po’ per le lunghe, abusando della nostra pazienza, fino a lasciarli sedimentare in una fanghiglia stagnante che rischia di mangiarseli come implacabili sabbie mobili. Nella parte centrale, quindi, il film un po’ si smarrisce, perde di potenza e di appeal, ma non muore. I passaggi narrativi si fanno prevedibili e didascalici, ma nonostante questo Mud riesce a tenersi a galla per la portata formativa della storia che racconta. Si arriva così ad un finale che, pur con qualche pistolettata da far west di troppo, ci propone il piccolo personaggio principale, Ellis, cresciuto, cambiato, ormai un ometto, che (ri)conosce il disincanto che avvolge la vita di ognuno tra bugie e verità sull’amore e sulle relazioni umane.

Mud, come la sua ambientazione, è un film sabbioso, terroso, torbido, che mette da parte potenziali toni da thriller, preferendo l’attesa, i tempi lunghi, come se sposasse l’evoluzione psico-spirituale di Ellis e il lento panta rei del fiume Mississippi, il quale, come la vita, si porta dietro di tutto, anche tanta immondizia. Sta a noi capire, come ricorda il personaggio interpretato da Michael Shannon, cosa tenere e cosa lasciare andare.

Bravissimi i due piccoli protagonisti, Tye Sheridan (The Tree of Life di Terrence Malick e Joe di David Gordon Green) e Jacob Lofland. Intenso e asciutto Matthew McConaughey, lercio e magnetico dietro quel mozzicone di sigaretta sempre acceso e quel sorrisetto da mascalzone.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *