Private Life: su Netflix i genitori a tutti i costi di Tamara Jenkins

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 1, punteggio: 5,00 su 5)
Loading...

Recensione di Private Life di Tamara Jenkins con Paul Giamatti e Kathryn Hahn. Su Netflix.

private life film su netflixCosa si è disposti a fare pur di diventare genitori? Andate a chiederlo a Richard (Paul Giamatti) e Rachel (Kathryn Hahn), che raggiunta la soglia dei quarant’anni non si sono ancora rassegnati all’idea di non avere un pargolo. E ricorrono ad ogni possibilità e soluzione plausibile per trasformare il loro (folle? sano?) desiderio in amorevole realtà. Ma mettere su famiglia è tutt’altro che semplice, e incappano in un giro di schiaffi (umiliazioni, false speranze, delusioni) che metterebbe al tappeto chiunque. Ma non loro.

Sono passati dieci anni da La famiglia Savage, e dopo una decade Tamara Jenkins torna a parlarci di famiglia. Se nel 2007 lo faceva affrontando le difficoltà di una famiglia oramai adulta (e sfaldata), con fratello e sorella che devono “ricongiungersi” per prendersi cura dell’anziano padre malato, in Private Life la famiglia è tutta da costruire, anche se protagonisti continuano ad essere dei quarantenni “incompleti”.

Come recita il titolo, è vita privata quella raccontata, che la Jenkins mette in pubblico con rispettosa e affettuosa ironia, cosciente di come stia trattando un tema spinoso (quello della maternità tramite metodi scientifici), senza però rinunciare a quel tocco indie che rende unico e originale il suo punto di vista su di un tema spesso maltrattato (e trattato male) sui canali mainstream.

Prodotto e distribuito da Netflix, Private Life è una vera chicca, che si mantiene leggera e profonda per tutta la sua durata, alternando momenti comici assolutamente esilaranti (su tutti la donazione dello sperma di Giamatti in una delle prime scene del film) ad altri in cui il cocente e rabbioso dolore spirituale potrebbe esplodere e invece mantiene una dignità esemplare.
Private Life è un film sulla vita, sulla tenacia e non sull’accanimento verso la maternità, sulla forza di un amore che non cede alle tempeste del destino, spesso assai più dure di quanto possiamo immaginare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.