Post Tenebras Lux: Carlos Reygadas oltre il sogno e la realtà

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

Recensione del film Post Tenebras Lux del regista messicano Carlos Reygadas

post tenebras lux filmUna sequenza iniziale dolcissima e desolante, una rappresentazione del diavolo onirica e luminescente, un monologo del protagonista che fotografa tutta la beffarda poesia della vita e un finale da perdere (letteralmente!) la testa. Basterebbero questi elementi per dire quanto Post Tenebras Lux di Carlos Reygadas sia un film da vedere. Un’opera che sfugge a molte categorie del cinema odierno, in particolare commerciale ed europeo. Post Tenebras Lux è allo stesso tempo così reale e così immaginifico, così terreno (nel mostrarci il mondo rurale, la natura, i corpi, la carne) e così simbolico, aulico, quasi appartenente ad un’altra dimensione.

Post Tenebras Lux, vincitore del Premio per la Miglior Regia al Festival di Cannes 2012, è una creatura multiforme, che ora si fa comprendere appieno e un attimo dopo si fa sibillina fino all’indecifrabile. In bilico tra sogno e non sogno, grazie ad un uso della macchina da presa che sfoca i contorni, come fossimo sempre in controluce, immersi in un alone luminoso fuori dalla realtà, sempre rifratta e quindi messa in discussione, Post Tenebras Lux è un cinema d’autore duro e puro, dove lo stile è contenuto, ma andandone anche oltre. Con passaggi in cui, complice uno sguardo quasi rasoterra e una fotografia che immortala ineffabili paesaggi tra la foresta e l’oceano, ricorda il cinema più lirico e riflessivo di Terrence Malick, ma anche quello simbolico e iper-naturalistico di Apichatpong Weerasethakul, alternati ad altri in cui affonda le radici nel cinema messicano e sudamericano più terroso e polveroso, il film di Reygadas, pur non essendo per tutti, è di quelli che non lasciano indifferenti.

È tutto un sogno quello che stiamo vedendo? Da un certo punto di vista, tutto il cinema è sogno. E Post Tenebras Lux lancia una sfida al nostro sguardo, al nostro desiderio di vedere la luce oltre le tenebre, di comprendere i sentimenti e il Tempo, che esiste e poi sparisce saltando avanti e indietro tra presente, passato e futuro. Un film visionario, minimalista, che forse un po’ si compiace della propria “incomunicabilità” nei confronti dello spettatore, ma allo stesso tempo un’opera dotata di una forza visiva e iconica davvero sorprendente, capace di riempirci gli occhi di bellezza prima che il cuore di significati (di cui forse non abbiamo bisogno, almeno stavolta).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.