Senza nessuna pietà: recensione film

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

senza-nessuna-pietaNon è da tutti esordire al lungometraggio, a nemmeno 35 anni, con un noir. Michele Alhaique ha la presunzione e il pelo sullo stomaco per farlo. Ma il rischio, qualunque sia la dose di coraggio impiegata, è altissimo. Senza nessuna pietà corre questo rischio, pensa di poter camminare sull’acqua e invece, pur non annegando, annaspa un po’.

Il soggetto è tanto semplice quanto esile. Mimmo (Pierfrancesco Favino), tozzo muratore della buia periferia romana, è un orso buono tra lupi affamati. Il suo capo (Ninetto Davoli), che è anche suo zio, è un boss di quartiere e lo impiega, insieme ad altri criminalucci, nella riscossione crediti a disperati indebitati. Pur non amando questa vita, Mimmo non riesce a uscirne finché non irrompe sulla scena quella bionda sciacquetta di Tania (Greta Scarano), donna-oggetto che il suo migliore amico, il Roscio (Claudio Gioè), ha rimediato per soddisfare i piaceri sessuali di Manuel (Adriano Giannini). Due anime perse e sole, quelle di Mimmo e Tania, che insieme troveranno la forza per fuggire da quel mondo marcio…

Senza nessuna pietà di Michele Alhaique si stronca in due tra plot e cura estetica, dove la sovrabbondanza della seconda dovrebbe colmare la carenza della prima. Ma nel noir non si può tirare un colpo al cerchio e uno alla botte. Il giovanissimo Alhaique sfodera una personalità registica da urlo, consegnandoci un film tecnicamente ineccepibile. Ma questa regia risulta invasiva nel voler conficcare a forza emozioni e sensazioni nello spettatore.

Alhaique sta sui corpi dei suoi personaggi, ricorre a colori acidi e al neon, fotografa con sfondi spesso bruciati, abusa di passaggi da pompato videoclip. Ma l’emozione latita e lo spettatore rimane distante da quanto raccontato in questo noir sentimentale dove il giro di boa narrativo arriva fulmineo e improbabile come la love story tra Mimmo e Tania.

Il cast di attori è un bel gruppo che però non fa gruppo. Ciascuno è ottimo nella propria parte, ma non si passano le emozioni. Tutti bravi comunque: il solito rabbioso e cagnesco Favino, un esagitato Claudio Gioè, uno spietato e amorale Adriano Giannini, un silenzioso e ruvido Ninetto Davoli nei panni di un boss dal pelo bianco. Peccato non siano un amalgama, restando senza nessuna presa sullo spettatore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *