Small Crimes su Netflix: una dark comedy piccola piccola

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

Small Crimes“Non ne ha idea di come andrà a finire. Io non credo che spetti a me dirlo. Un’altra occasione? Mi sembra un’idea allettante, ma sento di essermi comportato come un mostro, ho fatto scelte terribili, ho allontanato la mia famiglia, ho ferito delle persone. L’ho fatto anche se non volevo. E per tutte queste ragioni c’è un vuoto adesso dentro di me. È andata così ormai, lo sappiamo che il passato non si può cambiare, ma io sono cambiato e voglio che tutti lo vedano. Una seconda occasione? Perché no…”

È questo il bel monologo che apre Small Crimes, film prodotto da Neflix, disponibile sulla piattaforma, interpretato da un bravo e convincente Nikolaj Coster-Waldau, protagonista di un’opera che rimane a metà tra crime movie e dark comedy sulla difficoltà, purtroppo in questo caso l’impossibilità, della redenzione agli occhi altrui dopo aver commesso un omicidio e aver scontato anni di galera.

Joe, ex poliziotto con la fedina penale macchiata, pensa di tornare “nel mondo” e di poter voltare pagina, ma il passato non vuole voltarla con lui. O meglio, si aspetta che in sei anni, la cittadina in cui torna a vivere abbia seppellito l’ascia di guerra ma, nonostante lui lo desideri sinceramente, la realtà è un’altra, anzi la stessa di prima, come una ferita mai rimarginata e ancora tremendamente rovente. Padre, madre, ex-moglie, figlie, amici, ex malfattori, tutti ce l’hanno ancora con lui. E non vedono l’ora di sistemare quelle faccende che la galera ha congelato.

Small Crimes poteva essere un bel filmaccio, duro e crudo, nella messinscena e nei toni, ma non lo è, e questo perché si perde nella ricerca della propria identità, un po’ come accade a Joe. Alcuni dialoghi brillano, qualche risata ci scappa, qualche colpo violento pure, ma sono dettagli su un piano più ampio che non riesce mai a vibrare, a far girare quella chiave che apre allo sviluppo vero della storia. Small Crimes rimane imprigionato nelle sue (ottime) premesse, tanto da chiudersi, un po’ inaspettatamente e un po’ inevitabilmente, in modo a dir poco tranchant.

Joe chiedeva una seconda occasione. E una seconda occasione a Small Crimes vogliamo darla? No, purtroppo no. Poteva essere un big movie, invece rimane uno small movie, proprio come quei “crimini” che a dir il vero tanto piccoli non lo sono mai stati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *