Le sorelle Macaluso: Emma Dante al di là del teatro

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 1, punteggio: 5,00 su 5)
Loading...

Si piange tra i sorrisi, si ride tra le lacrime. Si muore in vita, ma si vive anche nella morte. Le sorelle Macaluso di Emma Dante si muove continuamente sul filo della convivenza degli opposti, sull’ossimoro che unisce commedia e tragedia, nel doppio risultato sospeso fra tragi-comico e comi-tragico.

sorelle-macalusoEmma Dante, nomen omen, ci traghetta nell’al di là rievocando l’al di qua, in un limbo di morti viventi che affascina, abbraccia, facendoci immergere e annegare in una storia familiare dalla portata universale. “Tutto il mondo è Sicilia” potremmo dire. Nelle Sorelle Macaluso c’è tutta la Sicilia e la sicilianità della sua regista e dei suoi interpreti. C’è un dialetto stretto stretto, masticato e digerito anche dal pubblico tramite l’ausilio di una gestualità ancestrale ed eloquente, infantile e spasmodica; c’è il mare del sud, con la sua calma piatta scossa da un gioco subacqueo andato troppo in là (l’al di là); c’è il caldo di una giornata in spiaggia, tanto che quasi sentiamo la sabbia nel vento e l’odore di pesce; ci sono i pupi in versione umana, disarticolati, come ginnasti di gomma, burattini in mano al Fato o al Caso, certamente alla Morte che bussa quando deve; c’è il trionfo di un meridione soleggiato ed epico tramite una colonna sonora che apre il cuore alla commozione come nel più bel cinema di Tornatore.

Nelle Sorelle Macaluso dalla penombra esce, in punta di piedi e strabordante allo stesso tempo, un insieme di vite e vitalità che neanche la morte può stroncare, un fustino di personaggi che nei primi minuti si burla delle Parche come del pubblico. “A cosa stiamo assistendo? Dove siamo? Perché si comportano così?” ci chiediamo. Risolini, grugniti, fischiacci da piazza, parole, mezze parole e parolacce che capiamo solo in parte. Parlano a noi o parlano tra loro? Lo straniamento ci affianca, fino a farsi nostro amico, quasi parente, fino a farsi comprendere e amare. Tutto il resto nelle Sorelle Macaluso è fiabesca danza-teatro, linguaggio del corpo, di clown che capitombolano a terra e di rialzano come molle, una danza con la morte e con la vita, un passo nella morte e uno nella vita.

Insomma, Le sorelle Macaluso è uno spettacolo meraviglioso, che arriva all’emozione senza passare dal via, cioè dalla realtà, per la quale, anche nell’inesistente scenografia, non c’è posto. Anzi forse Le sorelle Macaluso è solo sogno, che comincia e finisce nell’ombra, e noi ci risvegliamo riposati, rinnovati, battendo le mani.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *