Storie pazzesche di Damián Szifron: la recensione.

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 6, punteggio: 2,83 su 5)
Loading...

storie-pazzescheNel 2001 a vincere il Festival Internazionale del Film di Roma fu Cosa piove dal cielo? del regista argentino Sebastián Borensztein. Il protagonista del film, Roberto (Ricardo Darín), è uno Scrooge moderno che cerca di isolarsi dagli altri trovando consolazione e divertimento nel ricercare e collezionare le notizie più incredibili dai giornali di tutto il mondo. Le Storie pazzesche di Damián Szifron, candidato argentino nella cinquina degli Oscar 2015 come Miglior film straniero, sembrano provenire dalla cronaca nera della carta stampata e poi decorate di quel gusto crudo e crudele che solo i latino-americani sanno instillare in un film.

Damián Szifron proviene dalla televisione, è autore e regista di fortunate serie tv intitolate Los simuladores (2002-2003) e Hermanos & Detectives (2006), titoli ed episodi che denunciano facilmente quale sia la palestra in cui si è allenato per scrivere Storie pazzesche. Sei episodi, di durata via via maggiore, si susseguono con inesorabile cinismo in un crescente gioco al massacro in cui ci scappa sempre il morto. C’è colui che vuole vendicarsi con tutti coloro che lo hanno trattato male in gioventù, l’assassino avvelenato dalla figlia di una delle sue vittime, un diverbio tra automobilisti che finisce in sanguinolenta e abbrustolita tragedia, un ingegnere che reagisce in modo esplosivo alle continue multe ricevute, un giro di iene intorno ad un incidente stradale da insabbiare, una festa di nozze a base di tradimento da vendicare senza perdere tempo.

Storie pazzesche è una vera e propria reunion di mostri da commedia all’italiana ripassati in salsa argentina, un’empanadas di carne che lascia in bocca un forte sapore di sangue. Storia dopo storia, l’una più pazzesca dell’altra, scorre sullo schermo una cattiveria godereccia e ridanciana, talvolta così eccessiva da risultare paradossalmente possibile (per non dire reale).

Di fronte a Storie pazzesche si ride, e un po’ si soffre, sin dai primi minuti. La sceneggiatura non perde un colpo, carica com’è di irriverente sagacia e lucida nitidezza di sguardo. Szifron dirige il tutto con grande sapienza e varietas di inquadrature, concedendosi anche un paio di trovate registiche davvero notevoli. E non solo sa osservare i suoi personaggi, ma anche, di riflesso, noi e le nostre divertite reazioni alle storie pazzesche e selvatiche raccontate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *