The Congress: il cinema del futuro tra virtuale e cartoon

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (voti 1, punteggio: 4,00 su 5)
Loading...

The-CongressCosa accadrebbe al cinema come lo conosciamo oggi se l’attore virtuale sostituisse in tutto e per tutto quello reale? È l’interrogativo che pone The Congress di Ari Folman, regista acclamato nel 2009 per Valzer con Bashir. Ispirandosi al romanzo fantasy The futurogical congress scritto nel ‘71 da Stanislaw Lem, sdoppiandosi tra mondo reale e cartoon, The Congress racconta di come l’attrice Robin Wright, che interpreta se stessa, accetti la “proposta indecente” di un grande Studio (la Miramount, crasi di Miramax e Paramount): vendere la propria identità cinematografica tramite una scansione integrale del suo corpo e delle sue emozioni. Scissi per sempre il “lei” cinematografico e il “lei” reale, gli Studios potranno per vent’anni disporre del primo a loro piacimento. Robin sarà libera di rifarsi una vita e loro, evitando le bizze della diva, potranno farla recitare in tutti quei film che “in vita” si è sempre rifiutata di fare.

the-congressbashirÈ evidente come The Congress abbia alla base un’idea assolutamente geniale, di quelle che avrebbero evitato a grandi registi del passato quei grattacapi generati, ad esempio, dalla bella ma intrattabile Marilyn Monroe. Un elisir di lunga vita on screen per un Dorian Gray 2.0 che potrebbe diventare realtà in un futuro non troppo lontano della settima arte.

Interrogandoci sui temi della scelta e della libertà, il film di Ari Folman affascina e incuriosisce, ma purtroppo tende a stroncarsi in due nel passaggio alla “fase” cartoon. La possibilità di comprendere quanto “introdotto” nella prima parte si fa in secondo piano, come se Folman, in preda ad un’imbizzarrita trance artistica atta a regalarci una componente visiva strepitosa, avesse dimenticato il contenuto dietro la forma. La fluidità dei “disegni” e il mondo parallelo ad essi connesso è un carnevale per gli occhi, ma l’idea del composto chimico che, assunto da chiunque, fa essere chi si desidera (Clint Eastwood come Michael Jackson, Marilyn come Frida Kahlo), ci rimane oscura sino al finale ritorno in un mondo reale oramai invecchiato e un po’ ribelle.

A ben vedere, quindi, la vera libertà sembra essersela presa Folman nel plasmare una parte in cartoon che, in controluce, ha il vago retrogusto autoreferenziale dell’esercizio di stile. Come intimorito dalla scelta di approfondire la complessità dello scenario prospettato, Folman sembra fermarsi all’estetica, dimenticando l’etica. Sospeso tra la morte del cinema e una fantascienza distopica, The Congress fa quindi storcere un po’ il naso, pur salvandosi in corner per l’originalità del soggetto e la folle psiche visionaria del suo autore.

2 commenti

  • Visto l’anno scorso al BFI London Film Festival in un cinema pieno da scoppiare, con moltissime aspettative – quasi tutte deluse. Concordo in pieno con la recensione e aggiungo: ma perche’ proprio Robin Wright? E perche’ solo (e sempre) lei? Tutto questo protagonismo contribuisce ad affossare il film ancora di piu’..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.