Love and bruises: la recensione

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

love-and-bruisesUn amore molesto e violento, fatto di graffi, mani strette al collo, sangue, gemiti, tradimenti. Di donne oggetto, ma anche uomini oggetto. A Lou Ye (“Sozhou River”, 2000; “Summer Palace”, 2006), talentuoso regista di Shangai, non parlate di romanticismo. Probabilmente ne ignora il significato. Consapevolmente.

Con questa forte e disturbante pellicola si sono aperte le “Giornate degli Autori” di Venezia 68. Una scelta aggressiva, che non lascia indifferenti. Come la vicenda narrata: la giovane e bella Hua, sperduta in una Parigi mostrata al minimo, è in continua ricerca di affetto e passa da un amante all’altro. Un giorno incontra Matthieu, operaio focoso come un siciliano d’altri tempi, ma anche i suoi loschi colleghi. I rapporti sentimentali e sessuali si fanno complessi, fino a deragliare su una strada inevitabile.

Giunti ai titoli di coda è automatico pensare all’impossibilità della realizzazione di un film del genere in Italia. Il cinema orientale (pur contando in questo caso su una collaborazione francese) è davvero senza tabù, limiti, barriere. Come quello di Ann Hui (Night and Fog), volendo citare un altro esempio. E Lou Ye non lascia i suoi personaggi sospesi sui concetti, né sulla superficie di letti confusamente disfatti. Scende in profondità, scava, e inscrive la vicenda in un circolo di tematiche ever green: emancipazione e dignità della donna, rapporto tra i sessi, gioco delle parti in amore, amore platonico e eros fisico. I temi si intrecciano, si scambiano di posto, frastornano lo spettatore. E alla fine della fiera è l’uomo che ne esce implicitamente sconfitto.

La regia claustrofobica e ventosa riduce al minimo gli scorci di città e indugia a lungo sui corpi dei personaggi, con morbosità. La macchina a mano affatica il nostro sguardo, ma ha il favore di sbatterci dentro le vite arruffate di Hua e Matthieu. Due personaggi ben interpretati da Corinne Yam (brava non solo ad ansimare!) e Tahar Rahim. Quest’ultimo si toglie i panni del profeta e indossa quelli del bellimbusto coi guanti sporchi da macho instancabile sul lavoro e non solo. Non inferiore la prova di Jalil Lespert (che ricordiamo come semplicemente straordinario in Pa-ra-dà di Marco Pontecorvo), torbido, approfittatore, masculo senza freni.

Insomma, Love and Bruises colpisce allo stomaco e fa tirare sospironi, una love story sui generis che stupisce proprio per il punto di vista deviato che assume sin dall’inizio, in una cornice priva di cuoricini, happy ending, sguardi languidi.

Vuoi leggere altre recensioni di film orientali? Visita il sito Orient Express – Movies!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *