Harlock: Space Pirate

Leggi e vota il post 1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Vota per primo)
Loading...

capitan-harlockIl mio nome è Harlock, Captain Harlock. E’ così, come fosse 007, che il più noto “pirata spaziale” si presenta a Venezia 70 (fuori concorso) nel lungometraggio in CGI prodotto dalla Toei Animation. Diretto da Shinji Aramaki, Harlock: Space Pirate è costato 30 milioni di dollari, tutti impiegati con ridondanza e successo in un’animazione che, se da un lato lascia tutti senza fiato, dall’altro è maschera raffinata e barocca per celare il più possibile evidenti debolezze di sceneggiatura. Il nèo c’è, si vede, la falla è grossa, e irrompono noia e banalità. La prima incarnata, strano ma vero, da infinite sparatorie laser e tamponamenti intergalattici. La seconda da un inserimento green: la Terra deve essere riconquistata e la speranza risiede tutta in un dolce fiorellino. Non pervenuto l’approfondimento psicologico dei personaggi. Con un’ambientazione da Star Wars e profili fisici alla Final Fantasy, il 3D rende tutto più magico ma non sfonda mai verso lo spettatore, neppure con la futuristica spada/baionetta del protagonista. Delusione interplanetaria.

Vuoi leggere altre recensioni di film orientali? Visita il sito Orient Express – Movies!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *